Archivio di settembre 2012

Decidi la trama del film

 

A volte non sai perché proietti nella tua mente dei film orrendi, vero? Specie durante i momenti di scoraggiamento, preoccupazione o  dubbio, le tue immagini mentali sono un condensato di negatività.

Al golf questo succede quando giochi male o sei insicuro. Quando “sai” che quella buca non la segni mai, quando “sai” che tiri male quel ferro, quando “sai” che  non superi il lago di 100 metri. Oppure quando fai un errore e te la prendi con te stesso. Che film vedi nella tua mente? Sono film drammatici, thriller, talvolta horror.

Nella tua vita vedi brutti film quando le cose non vanno come ti aspetteresti o quando sei stressato e portato a provare rancore, rabbia, a scattare perché tua moglie  ha perso il telecomando della tv…

Addirittura proietti film di ciò che non ti piace di te stesso, di aspetti che vorresti nascondere o cambiare, (come ad esempio il colore dei capelli) perché attribuisci un’importanza eccessiva a quello che gli altri pensano di te.

Ebbene sì: quando attribuisci troppa IMPORTANZA al risultato di golf, al telecomando che al momento non trovi, al colore dei capelli i tuoi film mentali ti procurano depressione! Ma il film è solo nella tua testa, non in quella degli altri. Agli altri non importa niente di come giochi a golf o dei tuoi capelli rosso fuoco, o del telecomando della tv. Queste cose assumono importanza solo nei tuoi film mentali che nessuno vede all’infuori di te!

 La soluzione?

Ridurre l’importanza delle cose che ti procurano emozioni negative, creando dei nuovi film in cui tu brilli in tutto il tuo splendore. Può essere un bel film dei tuoi migliori colpi a golf, dei ferri/legni che tiri bene, del volo alto della palla che atterra di là dal lago. Un film di quella volta che hai fatto 40 punti in gara, dei putt imbucati da lontano… Oppure un film in cui guardi la tv abbracciando tua moglie girando i canali dai tasti della tv… O anche un film in cui tu e tua moglie vi mettete insieme con calma a cercare il telecomando e lo trovate subito… E perché no? Un film in cui vedi i tuoi pregi:  un discreto viso, un portamento elegante, un sorriso smagliante, un umorismo sottile… Che importa se hai i capelli rosso fuoco? Se metti a fuoco le tue qualità sono quelle che la gente noterà.

Sposta l’attenzione dai difetti alle qualità: a quelle che già hai e a quelle che vuoi acquisire.

Questi nuovi film esercitano un effetto diretto sulle tue azioni e sul tuo comportamento. Col tempo il film si trasforma in una parte della tua personalità e allora cesserà di essere un film!

Certo, ci vorrà tempo. E costanza nel sostituire le trame dei film. Ma se hai la risolutezza ad ottenere la felicità, serenità e pace del cuore questa è la strada giusta. Mettiti in testa dei nuovi film, respingi gli horror e accetta le commedie, i film d’amore, comici e divertenti. Sii aperto a tutto il buono e ignora tutto il cattivo. Nella vita il negativo non mancherà di perseguitarti se non gli passi oltre con assoluta indifferenza. ll positivo invece sarà sempre con te se lo accogli con gioia.

Se vuoi mettere alla prova l’efficacia di questi film mentali, fallo con qualcuno che non conosci. Ad esempio se devi andare  a una festa, a un colloquio di lavoro o a un concorso o a una cena dove non conosci molte persone. Mettiti in testa un film mentale in cui ti vedi al massimo dell’espressione delle tue qualità, immagina il tuo massimo successo e divertimento in questo nuovi incontri e tieni attivo questo film nella tua coscienza. Vedrai quanto è efficace per l’esito dell’incontro!

Ogni nostro film interiore, ogni nostro pensiero, si trasforma in realtà. Perché allora non iniziare da ora a creare una nuova realtà più felice?

 

 

 

 

una somiglianza impressionante

Una domenica durante la gara un compagno di fly mi fa:

“Certo che tu sei fortunata ad avere tuo marito come maestro. Gioca benissimo, beata te che puoi avere lezioni gratis da uno come lui!”

Dentro di me ho pensato:

“Ma che cavolo dice? Come fa a sapere chi è mio marito se non mi conosce neanche?”

Poi però gli ho risposto:

“A dire la verità sì, mio marito non gioca male, ma non esagerare con i complimenti! E poi lezioni non me ne dà proprio”

“Dovresti approfittarne! Silvio è un maestro eccellente”

“Silvio??????? Mio marito si chiama Marco!”

“Ma come, tu  non sei la moglie di Silvio Grappasonni?”

Ecco com’è andata la prima volta che ho capito che Marco e Silvio si somigliavano. Forse più di corporatura che di viso, ma anche il taglio e il colore dei capelli sono gli stessi. E il naso poi… Identico!

Ovunque andassi con Marco in ambienti di golf c’era sempre qualcuno che lo scambiava per Silvio. Una volta in club house a Roma un signore raccontava le sue performances golfistiche esaltando la lunghezza del suo drive e a un certo punto disse: ” Alla 15 avrò fatto 250 metri col drive. Qui dentro non mi avrebbe battuto nessuno tranne  lui…” e indicò Marco, pensando che fosse Silvio.

L’amico (e compagno di “4palle”) di Marco, ridendo forte gli disse:

“No, stai tranquillo, lui non ti avrebbe battuto!”

Ormai Marco – e anch’io – siamo abituati ad equivoci di questo genere.

Non è così scontato trovare 2 persone della stessa età, stesso peso, stessa altezza e stesso fisico asciutto e magro. Stesso ovale del viso, stesso colore di capelli, stesso sorriso, stesso naso…

Silvio ha 50 anni, Marco 52. Quando si sono conosciuti allo Chervò Golf san Vigilio venerdì scorso si sono dichiarati “fratelli” e hanno trovato molto divertente la loro somiglianza. Speriamo solo che Silvio non chieda danni morali a Marco, perché quel giorno allo Chervò golf diverse persone hanno visto Marco in campo pratica e probabilmente hanno pensato:

Mamma mia come ha peggiorato lo swing porn cartoon Silvio!”

 

Una clinic originale


Non sono tanti i maestri che insegnano il  grip in piscina… A Lorenzo Bosisio piace l’originalità.

L’anno scorso, dopo che l’ho  intervistato  per scrivere “L’Eccellenza nel golf”, Lorenzo ha cominciato a seguire il mio lavoro e si è incuriosito. Ha scritto sul mio blog un articolo sulla postura, ha commentato diversi miei post e poi… è venuto a trovarmi a Lucca, per condividere con me la “Clinic Golfissati” del 9-10 settembre.

Questa volta la clinic milf porn “golfissati mente-tecnica” è stata ancora migliore delle precedenti!

Sì perché calmare la mente aiuta a concentrarti, ancorarsi ai propri migliori colpi ti dà carica emotiva e aumentare il feeling col proprio corpo ti rende consapevole, ma…

Se oltre a tutto ciò c’è un maestro  che ti dice su cosa lavorare tecnicamente per migliorare il tuo swing e sta con te per ben due giorni ad inculcartelo in testa  E’ MEGLIO ANCORA!!  Abbiamo fatto giochi celeb sex tapes di ogni tipo:

Approcci agli ulivi dalle varie distanze, 10m.- 30m. – 50m. 70m. Era piuttosto dura mettere le palle in “Bandiera”, ma interessante viagra online notare come lo swing cambi a seconda della distanza da raggiungere.

Approcci ad porn cartoon occhi chiusi cercando di capire solo dal tocco, forza e rumore dove può essere andata la palla per aumentare il feeling.

Colpi di golf mentre pronunciamo le parole “pronti-attenti-via-fine” per non pensare A NIENTE e lasciar libero l’inconscio di effettuare lo swing. (se ti interessa provare l’esercizio lo trovi nell’ebook gratuito “Libera il tuo miglior swing” che è  a metà di questa lettera, clicca QUI)

In questo video ad esempio c’è Pepi che ha appena fatto un bell’approccio senza guardare (ma forse ha barato e ha guardato…)

in questo video Marco indovina il suo colpo non proprio perfetto…

Verso le 6 di pomeriggio ci siamo meritati un pò di riposo grazie alla merenda con tè e biscotti e alla mia meditazione guidata che ha ricordato a tutti la nostra potenzialità come esseri umani e golfisti. Abbiamo ripercorso le tappe dei nostri migliori momenti di golf, quando il nostro golf era FACILE, lo swing produttivo di colpi bellissimi, lo score alto e il morale alle stelle. Possiamo ripetere QUEI momenti, risvegliandoli alla nostra memoria. La carica emotiva di questa meditazione induce  una forza vitale che ci dà di nuovo VOGLIA di migliorare, di progredire e di credere in noi stessi.

Abbiamo risvegliato la FIDUCIA! Poi abbiamo ancorato la nostra fiducia con un gesto e una frase.

Lorenzo ci ha mostrato come devono muoversi le spalle alle varie inclinazioni, devono ruotare intorno alla spina dorsale… Questo movimento non è naturale per gli esseri umani, soprattutto quelli che iniziano il golf da adulti. Fabio, il non golfista che era con noi, aveva infatti la tendenza ad alzarsi mentre ruotava le spalle… Per un principiante poteva essere una giornata DURA e invece Fabio ha seguito le pazze gesta di questi golfisti fissati entrambe le giornate, salvo farsi dei gay porn ricchi bagni in piscina fra uno swing e l’altro…

Abbiamo trascorso l’intera giornata di lunedì nel campo da golf, allenandoci ognuno sul proprio “tip” tecnico-mentale. Anche un allenamento in campo pratica ha le sue regole… molti di noi prima della clinic si allenavano a casaccio, tirando con tutti i ferri una palla dopo l’altra in modo totalmente casuale… Lorenzo ci ha insegnato come essay writing service rendere produttivo al massimo ogni allenamento.

(Quasi quasi mi è venuta voglia di ritornare in campo pratica!)

I partecipanti alla clinic si sono stancati perché questi due giorni hanno fatto lavorare la mente a un ritmo incessante, ma erano felici dell’esperienza. Anche il clima familiare e la giornata in casa hanno contribuito a creare un hot milfs ambiente sereno, dove si impara senza stress e ci si diverte.

Daniela ad esempio gioca da 4 anni e ha uno swing potente come un uomo, ma non riusciva a concludere gare con punteggi soddisfacenti. Non aveva simpatia come me per il campo pratica, non amava le lezioni e le clinic, ma in questi due giorni ha ritrovato l’entusiasmo e la voglia di progredire nel golf come merita. Questa è la sua testimonianza:

Uno dei partecipanti mi ha chiesto di ripetere la clinic, vuole tornare con 3 amici, può darsi che la ripeta ad ottobre ma il gruppo non può superare le 8 persone per dare spazio ad ognuno e consentire un effettivo apprendimento.

Un grazie alle meravigliose persone che ho conosciuto a questa clinic e soprattutto a Lorenzo, un eccellente  maestro “alternativo”!

 

Dai un voto al tuo swing

in questo film Gianni, che ha partecipato a una mia clinic, cerca di essere consapevole di una parte del suo corpo durante lo swing.

Prima sta attento al suo fianco destro e lo sente girarsi correttamente sia indietro che in avanti. Poi cerca di capire la posizione della sua testa all’impatto e nel finish. Questo semplice esercizio di analisi del proprio corpo serve ad avere feeling, ad aumentare cioè la sensazione di come ti muovi senza che nessuno te lo hd lesbian porn dica!

Se nel fare lo swing senti una tensione o un qualcosa di “strano”, cerca di pensare solo a quella parte del corpo e DAI UN VOTO alla tensione, dove 10 è massima tensione e zero è rilassatezza. Con questo esercizio ottieni due risultati:

1 diventi consapevole di come si muove il tuo corpo – e quindi capisci cosa sbagli quando fai un errore –

2 Notando la tensione, la allontani in modo naturale!

Si tratta dunque di capire, dalla sensazione, se c’è tensione o scioltezza muscolare: nel caso di Gianni non c’era tensione quindi non ha nemmeno dato il “voto” da 1 a 10. Può essere che Gianni non sia riuscito a capire davvero se c’era o meno tensione, ma non ha importanza: per diventare consapevoli tutti noi abbiamo bisogno di tempo e di “guardarci dentro”.

Comincia a fare pochi swing al giorno stando attento a una sola parte del tuo corpo al giorno. Ad esempio: giorno 1, cerco di rendermi consapevole della mia mano destra. Cosa noto? per esempio potrei notare che uno o due dita mollano il grip. Quando succede? Che voto dai alle mani che mollano il bastone?(10 mollano molto, zero sono okay). Giorno 2: noto la testa – giorno 3: le spalle….

Mano a mano che i voti calano i colpi migliorano! In questo modo, poco alla volta, trovi da solo i tuoi “difetti e ti auto-correggi solo diventandone consapevole.

Qui sotto, Pierluigi che cerca di capire, dalla sensazione, come “lavora” la sua testa e la sua spalla destra durante lo swing.

 

Senza sforzo conscio la legge della consapevolezza tende a eliminare tensioni dal corpo per lasciare che si muova liberamente, nel modo più fluido possibile.

Faremo questo breve esercizio alla clinic golfissati del 9-10 settembre con black porn l’aiuto del maestro, portati una chiavetta usb per film e foto, mi raccomando!

Giovedì 6 settembre chiudono le iscrizioni, sei ancora in tempo. Spiego tutto qui:

http://www.golfissazione.com/risorse/golfissati-mente-tecnica/

A presto!