Archivio di febbraio 2012

2 giorni di golf con voi golfissati!

Sono anni ormai che ho contatti con tanti golfisti dietro allo schermo del computer senza mai aver cercato un’occasione per incontrarli e giocare con loro, tranne in rare occasioni.

Così, in questa vacanza marocchina (senza golf) mi è venuta una gran voglia di conoscere i golf-fissati che leggono il mio blog e seguirli sul campo filmando i loro processi mentali mentre giocano!

Per questo ho deciso di organizzare un weekend insieme ad un costo minimo: perché si tratta del mio primo esperimento!

Ho pensato a una domenica e un lunedì, il lunedì abbiamo il campo quasi  tutto per noi e abbiamo spazio a sufficienza per giocare con tutta calma.

La mia speranza è che tutti noi faremo il percorso di 18 buche  senza ripetere gli errori (se mai ne faremo…), grazie ai miei facili esercizi mentali. Giocheremo al meglio delle nostre possibilità!

Perché voglio fare questo?

Perché prima di venire qui in Marocco ho giocato a golf con una mia amica che finalmente dopo 7 buche di m.. si è decisa a darmi retta e provare un mio esercizio mentale. L’esercizio consiste nel concentrarsi sul punto del fairway dove si vuole che la palla atterri e dopo aver osservato bene quel punto si fa il proposito mentale di fare uno swing facile e divertente.

La sequenza è questa: osservi il punto dove vuoi mettere la palla, poi dici a te stesso: “voglio mettere la palla lì e fare uno swing facile, piacevole e divertente”

E’ una specie di formula magica che distoglie la mente dal pensiero tecnico e lascia il subconscio libero di eseguire uno swing naturale, senza interferenze mentali. Il segreto è semplice: ingannare la mente e impedirle di “pensare sbagliato”.

Immediatamente la mia amica ha interrotto il modulo negativo e ha iniziato a giocare bene e rilassata! E’ bastato questo piccolo esercizio per distogliere la sua attenzione dai precedenti colpi sbagliati e farle chiudere tutte le buche successive .

E se ha funzionato con lei, nota scettica, funziona con chiunque.

Sì perchè i miei conoscenti non sono propensi a credermi, è una grande verità il fatto che nessuno è profeta in Patria.

Quando la mia amica, entusiasta, mi ha riconosciuto la validità del mio esercizio e mi ha addirittura acquistato l’audio+golf (che trovi qui) non ho resistito all’idea di invitare i miei amici golfissati a passare due giorni con me applicando i miei semplici sistemi per giocare un golf piacevole e divertente.

Ti comunicherò al più presto date, dettagli del programma e costi e mi sento di prometterti che il tuo weekend sarà fuori dal comune. Se non puoi venire 2 giorni e abiti vicino, puoi venire 1 solo giorno!

Rettifico quanto dichiarato nel film: non ci sarà un maestro quindi non sarà possibile avere feedback sulla tecnica del tuo swing. Avrai solo il film-ricordo dei due giorni!

Ti invito, intanto, a sperimentare il semplice esercizio spiegato qui e scrivermi appena hai  i risultati. Per la data del nostro meeting dei golfissati devo solo sentire la disponibilità del club, e te la comunico al più presto via email.

A prestissimo!

 

 

 

 

 

Senza paura il colpo parte bene!


Follow my blog with Bloglovin
Mi sono fatta questo filmino così come sono vestita in casa: ciabatte, maglione pesante, pantaloni lisi di peloncino bianco. Quando l’ho riguardato mi sono vergognata un pochino, ma poi ho deciso che pubblicandolo non ci avrei rimesso niente e avrei potuto trasmettere a tutti questo ALLONTANAMENTO DEL DUBBIO.

Ti capita mai di avere PAURA di fare il colpo di golf? Paura nel senso di dubbio della tua capacità di colpire bene la palla, con pensieri del tipo: “oddio, non riuscirò mai a fare questo colpo, fino a ora ho fatto solo rattoni…” Senti in modo quasi viscerale che sbaglierai il colpo. Lo fai in fretta, per toglierti il problema e l’esito è quello previsto dal dubbio: un altro rattone.

Ti capitano momenti così?

Capitano anche a me, sempre e SOLO sul drive. Appena arriva il dubbio, però, ho imparato a riconoscerlo e a parlarci. Col pensiero porn cartoon gli dico:

“Ti ho riconosciuto dubbio e ti accetto, ma non ti invito a prendere il té” Tradotto: non farò questo colpo con te, dubbio, non finché sei dentro la mia testa.

Parlando così al short term loans dubbio lo dissocio da me, lo metto fuori.

Dopo, è più probabile lesbian videos che mi rilassi e faccia un buon colpo.

Il report “Nessun Dubbio” è tratto dal bestseller “The Inner Game of Golf” di Tim Gallwey, puoi scaricarlo gratis da qui: Nessun Dubbio

Non limitarti a guardare il filmino e leggere questo post, fai l’esercizio in campo appena riconosci la paura!

 

 

 

golfisti pazzi. Una sono io.

 

Senza Parole.

Da notare solo il quasi-perfetto parallelismo del bastone/cintura della mia giacca!

Due racconti inediti di golf

Dopo il romanzo di Fred Rességuier pubblico questi due brevi racconti di Mario Bencivinni, un altro lettore del mio blog.

M., protagonista del primo racconto, sta per imbucare il birdie alla buca 18 come tanti anni prima, quando era bambino. Solo che qui c’è in gioco il Major. M. dà il meglio di sé, come allora, e lo gnomo della buca lo aiuta nel realizzare la sua magia. Così va il golf, se siamo pronti.

Buona lettura!

Birdie alla buca 18

Buca 18, dopo un pitch finito a due metri dalla bandiera M. prese il putt dalla sacca e iniziò a camminare lentamente verso il green, lontano ottanta metri. Ottanta metri soltanto lo separavano dal colpo della vittoria. Camminava con decisione. Poi ebbe un’esitazione: ripensò per un attimo a quando, trent’anni prima, suo padre lo portò a giocare a golf.

“Vedi piccolo M. – gli diceva – il golf non è solo un gioco: il golf è una metafora della vita. È fatto di lunghe passeggiate su prati morbidi, cartoon porn pics ma anche di improvvise cadute nelle spaccature della terra. È fatto di dolci declivi verso il mare, ma anche di foreste intricate che sembrano volerti tenere imprigionato per sempre. Il golf è tecnica e resistenza, certo. Ma è soprattutto concentrazione e forza di volontà. Non puoi giocare bene se non ti concedi completamente. Se non ti immergi”.

Per lui era difficile capire. Un piccoletto di nove anni dal fisico gracile. Quei lunghi prati verdi gli sembravano oceani sterminati. Gli alberi che li punteggiavano, giganti dalle mille teste. Quelle buche bianche, di certo, dovevano essere le viscere della terra. E poi c’era la bandiera. Laggiù. Una principessa incatenata al terreno da un maleficio. “Vedi piccolo M. – gli spiegava con pazienza il papà dopo ogni colpo venuto male – il golf non è un gioco fatto di potenza. Non devi annientare la pallina, devi accarezzarla. Ti vorrà bene, se le vorrai bene”. Poi impugnava il bastone, si piantava deciso sul terreno, lasciava andare le braccia, colpiva. E la pallina si alzava dolcemente, esitava a lungo in aria, quindi rimbalzava, ammaestrata, sul terreno.

A quel punto M. aveva percorso metà degli ottanta metri che lo separavano dal green della buca 18. Quaranta metri, trentanove, trentotto… l’ultimo putt, quello decisivo, si avvicinava.

“Vedi piccolo M. – gli diceva il papà con la pazienza e la dolcezza che solo chi gioca a golf sa avere – adesso sei a trenta metri dalla buca. Siamo su un par 4 e hai già fatto due colpi. Ne hai altri due per chiudere bene. Devi approcciare la bandiera. Fai come ti ho spiegato”.

M. andò sulla pallina, prese posizione, divaricò leggermente le gambe e piantò i piedi sul terreno. Poi fece un passo indietro e simulò il movimento che avrebbe dovuto fare di lì a qualche secondo. Sciolse i muscoli e i pensieri. Si riposizionò sulla pallina e guardò verso la bandiera. Fu allora che accadde l’incredibile: il green si era avvicinato, la buca era diventata più grande, ben visibile, al centro, i due bunker, ai lati, erano spariti. Tutto attorno c’era solo fairway. Sparite le vigne, spariti gli alberi alla sua sinistra, spariti i cespugli alla sua destra. Solo fairway e green.

M. portò indietro il bastone, scese dolcemente e colpì. La pallina iniziò il suo volo verso la bandiera. Trenta, ventinove, ventotto metri… Atterrò sul green, rimbalzò una paio di volte, poi iniziò a rotolare. Quattro, tre, due… si fermò proprio a due metri dalla buca.

Erano passati trent’anni da quell’approccio. M. era ormai a due passi dal green. Tirò fuori dalla tasca la forchettina bianca con un cuore rosso che la moglie gli aveva regalato qualche giorno prima, la infilò nel terreno e riparò il pitch. Poi andò sulla pallina, la marcò e la tirò su. Le diede una pulita, quindi la ripiazzò.

Tutto attorno il pubblico, che aveva accompagnato la sua lunga passeggiata con un insistente brusìo, si zittì di colpo. Era l’ultimo putt, quello che avrebbe sancito la vittoria o la sconfitta. Due metri e una lunga linea ideale tracciata sul prato verde, potevano fare la differenza tra la gloria e la disperazione.

Il piccolo M. non stava più nella pelle. Con il bastone in mano stava andando a puttare per il primo par della sua vita. Erano passati solo due mesi da quando aveva tirato il primo colpo in campo pratica. Aveva fatto grandi progressi, in fretta. Aveva talento, quel ragazzino. Era deciso a buttarla dentro. Sul putting green aveva imbucato centinaia di colpi da quella distanza.

Arrivò sulla pallina, la marcò come gli aveva insegnato il papà, quindi la pulì e la rimise sul green. Poi si chinò per scrutare le pendenze. Era lì, davanti a lui, chiara come il sole: la linea del suo putt. Adesso doveva solo allinearsi correttamente, muovere il bastone come un pendolo e colpire. Con gay sex dolcezza, certo, ma senza esitazioni. Attorno silenzio assoluto. Quel giorno il percorso era tutto per lui e per il suo papà che, a una ventina di metri di distanza, lo osservava con le braccia conserte.

Era fiero del suo piccolo: stava giocando a golf come avrebbe dovuto affrontare la vita. Era pronto. Aveva studiato la linea del putt e valutato bene le pendenze. Poi si era allineato. Partì il colpo. La pallina iniziò a rotolare, lenta e decisa. Si avvicinò alla buca, poi iniziò a rallentare fin sul bordo: sembrava essersi fermata, beffarda.

Dopo qualche secondo, finì inghiottita dalla terra. M. strinse i pugni. Il papà sorrise compiaciuto. Lo gnomo del green aveva attratto a sé la pallina. M. era sicuro di aver visto la sua manina verde essay writing service venire fuori dalla buca e acchiapparla. Par, il primo della sua vita. La principessa adesso era libera.

M. era pronto a lasciar partire l’ultimo putt, quello decisivo. Si buy viagra online posizionò e colpì. La pallina iniziò a rotolare verso la buca. Sembrava lenta, debole. Invecchiata di trent’anni. Arrivò fino al bordo e si mise a ondeggiare, in bilico. Dieci, nove, otto, sette secondi… Il pubblico iniziò a rumoreggiare.

Il putt della vittoria sembrava volersi prendere beffe del campione. Sei, cinque, quattro secondi che sembravano ore. Tre, due, uno… poi dalla buca venne fuori una manina verde, prese la pallina e la portò con sé nelle viscere della terra. Era lo gnomo del green. Il primo Major della sua vita. La principessa era libera. Ancora una volta.

La morte del caddie

C’è il momento giusto per ogni cosa. Non un attimo prima, non un attimo dopo. C’è un solo momento giusto. Uno solo. Quando arrivò sul tee dell’ultima buca, per M. non era il momento giusto. Ma questo non poteva saperlo.

Come aveva fatto per 17 volte quel giorno, si avvicinò ai battitori, fissò il lungo fairway, scelse il punto esatto e piantò il tee nell’erba. Ci mise su la pallina, si spostò dietro e con il drive in mano fissò per qualche altro secondo il fairway. Fece un lungo respiro: era il suo modo di entrare in sintonia con il percorso. Stavolta, però, non riuscì ad astrarsi. Per lui, di solito, era facile. I quattro titoli di fila vinti gli avevano dato una consapevolezza d’acciaio. Non sbagliava uno swing da anni. Doveva farlo un altro paio di volte e i titoli sarebbero diventati cinque. Ma quello per M. non era il momento giusto.

Mentre provava a vincere il quinto titolo di fila, un uomo più vecchio di trent’anni, dall’altra parte del pianeta, si stava sforzando di non uscire di scena. Con caparbietà.

Questo pensiero finì con l’insinuarsi nella testa e nello swing di M.. Il lungo drive partì dritto e teso, poi, all’improvviso, decise di voltargli le spalle. Dopo aver sorvolato un ulivo, rimbalzò a 220 metri, nel rough che correva lungo il percorso, a destra. Troppo a destra.

Dall’altra parte del pianeta, in una sala operatoria, un camice bianco scuoteva la testa. No, quello non sembrava proprio il momento giusto. Fuori, un’anziana signora aveva gli occhi piantati sulla Tv. Stava guardando M. giocare a golf, come aveva fatto centinaia di volte. Stavolta, però, era diverso. Dopo il drive della 17 la telecamera fece un primo piano stretto del campione in carica. Gli occhi, i suoi occhi. L’anziana signora sentì un brivido.

Quando arrivò sulla pallina M. aveva già in mano il sand wedge. Doveva venire fuori dal rough, ma non poteva perdere un colpo.

Doveva chiudere con un par se voleva confermarsi campione. Aveva due opzioni: sfidare il green, oppure puntare su un’uscita sicura, per poi giocarsi la buca con il colpo successivo. Una decisione come tante prese nel corso della sua carriera. Non aveva mai sbagliato: il suo vecchio caddie sapeva come dargli sicurezza. Stavolta, però, era solo. Il caddie non poteva aiutarlo.

Quando il medico uscì dalla sala operatoria aveva la sentenza scritta sul volto. M. fece la sua scelta. Partì il colpo. La pallina schizzò fuori dall’erba e sparì. La decisione era quella sbagliata. Non avrebbe vinto il quinto titolo di fila. Non senza il suo caddie.

Mario Bencivinni

Nuovo trucco per interrompere il brutto gioco

L’amico Paolo Dessole ci dà una dritta NUOVA ed INEDITA di mental golf, che può sbloccare il brutto gioco di golf.

Sono d’accordo con lui, quando si entra nel tunnel dei rattoni/flappe/hook/shank non c’è tecnica che possa farci uscire, va solo cambiato il PENSIERO.

Ti metto in rosso la hot lesbian porn sua dritta, che ti riassumo in due parole: quando giochi male stai attento se hai i denti serrati, in genere è così.

Allentali,  socchiudi la bocca e fai lo swing: cambia tutto!

Ovviamente lo dice lui, io non l’ho provato perché fuori ha nevicato e ho dovuto rinunciare alla mia giornatina di golf…

Da oltre quattro gay porn videos anni, anche confrontandomi con professionisti, cerco di interpretare le mie  azioni e quelle di altri golfisti, in stretta correzione gioco/mente, e più approfondisco l’analisi, e più mi convinco, che l’abilità e solo una parte marginale del porn mobile golf.
 Tanti anni fa ho conosciuto, al tiro a segno, un tiratore di pistola, che prima di sparare, faceva due azioni di separazione della mente, molto analoghi a quelli illustrati nel report! [Libera il tuo miglior swing, che trovi qui dentro: www.golfissazione.com/diecipassi]

 Nel puntare, mentalmente e quindi figuratamente, staccava la parte sinistra della mente, (quella destra e’ impegnata sull’obiettivo), a mo’ di telecamera, e cercava di vedere il dorso della mano destra, chiaramente nascosta alla sua vista.  Come seconda azione, una volta visualizzato il dorso della mano, invitava l’azione con il termine VAI , che ha una strana somiglianza con il tuo VIA.

 Tieni conto che era molto bravo, ma anche lui sbagliava. I suoi errori, al 99% ,li attribuiva per autoanalisi dopo il tiro, constatando che i denti si erano serrati, prima del tiro, e quindi secondo la sua teoria, avevano creato una sorta di collegamento tra i due lobi del cervello.
  In tutto questo c’è un pizzico di verità, in quanto e’ accertato che nel training autogeno (terapia del rilassamento) la prima parte consiste nel rilassare la dentatura, sconsigliando di tenere i denti uniti o peggio serrati.
 Prova anche Tu ! Se sbagli un tiro , constata la situazione dei tuoi denti! O meglio ancora, non sbagli più, perché hai aggiunto un nuovo tassello alle tue affascinanti ricerche.

 Con grande piacere Ti saluto
Paolo Dessole  

Interessante, vero?